Skip to main content
Anti-Fraud Knowledge Centre

Contesto e obiettivi

Ai sensi del Regolamento n. 883/2013[1] relativo alle indagini condotte dall'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF), ogni Stato membro (SM) deve designare un Servizio di coordinamento antifrode (AFCOS) per facilitare una cooperazione e uno scambio di informazioni efficaci, comprese le informazioni di una natura operativa, con l'OLAF. In linea con questo regolamento, il Ministero delle finanze danese è stato nominato AFCOS per la Danimarca. Per facilitare ulteriormente il coordinamento tra le Autorità di Gestione danesi (AdG), è stata creata la rete AFCOS.

Anche prima della creazione della rete, le varie AdG in Danimarca hanno lavorato insieme a stretto contatto. L'idea era che la rete AFCOS era si basasse sulla cooperazione informale esistente e formalizzasse lo scambio tra le AdG danesi. La rete garantisce inoltre che le informazioni da e verso l'OLAF siano diffuse tramite l'AFCOS come punto di accesso unico. Un altro obiettivo della rete AFCOS è raccogliere informazioni sui fondi, le politiche e le migliori pratiche dell'UE e condividere queste informazioni all'interno dell'intera rete.

Il Ministero delle Finanze funge da coordinatore e organizza gli incontri di rete.

 

[1]Regolamento (UE, Euratom) n. 883/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 settembre 2013, relativo alle indagini svolte dall'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) e che abroga il Regolamento (CE) n. 1073/1999 del Parlamento europeo e del Consiglio e del Regolamento (Euratom) n. 1074/1999 del Consiglio, disponibile su https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=CELEX%3A32013R0883

Descrizione della pratica

La rete AFCOS è composta dalle seguenti autorità:

  • Agenzia danese per l'agricoltura sotto il Ministero dell'Ambiente e dell'Alimentazione;
  • Agenzia danese per la pesca sotto il Ministero dell'Ambiente e dell'Alimentazione;
  • Autorità danese per gli affari sotto il Ministero degli Affari;
  • L'Agenzia delle dogane danese sotto il Ministero danese della fiscalità;
  • Procuratore di Stato danese per i crimini economici e internazionali gravi (SOIK) presso il Ministero della Giustizia; e
  • Centro per il clima, l'economia verde e l'UE presso il Ministero delle Finanze (punto di contatto per il coordinamento dell'OLAF e dell'AFCOS danese).

Ogni autorità è rappresentata da una persona durante le riunioni della rete, il che significa che le riunioni si svolgono con sei persone.

I partecipanti alla rete si incontrano fino a tre volte all'anno, vale a dire a gennaio, maggio e ottobre. Discutono di argomenti specifici (es. rischio di doppio finanziamento) proposti dalle agenzie, condividono esperienze (es. casi rilevati o strumenti utilizzati) e discutono delle migliori pratiche.

Al fine di formalizzare la rete, è stato sviluppato un manuale. Esso descrive in dettaglio la base giuridica, specifica i meccanismi di collaborazione e organizzazione all'interno della rete, e traccia i piani d'azione per ciascun membro riguardo alle sue misure antifrode. Il codice ha la seguente struttura:

  • Quadri giuridici europei e nazionali relativi all'AFCOS
  • Organizzazione e collaborazione all'interno della rete ACFOS
    • Ruoli e responsabilità dei partecipanti alla rete
    • Accordi di collaborazione tra le autorità della rete
    • Pratica di trasferimento di casi relativi a frode in fondi UE al Pubblico Ministero
  • Collaborazione con l'OLAF
    • Descrizione dell'organizzazione dell'OLAF, compreso il Comitato consultivo per il coordinamento della prevenzione delle frodi (COCOLAF)
    • Descrizione dei gruppi COCOLAF, compresi quelli a cui partecipano abitualmente le autorità/agenzie danesi
    • Descrizione dell'AFIS (una raccolta di domande che facilita lo scambio di informazioni antifrode tra l'OLAF e le amministrazioni competenti)
  • Piani d'azione individuali dei partecipanti alla rete AFCOS
    • Descrizione dei singoli piani d'azione per combattere la frode nei fondi dell'UE

 

La rete è stata creata e mantenuta utilizzando fondi nazionali.

Caratteristiche uniche

  • Un unico punto di accesso, ovvero il Ministero delle Finanze, per le richieste dell'OLAF e lo scambio di informazioni con l'OLAF (sebbene alcuni contatti riguardanti casi specifici e controlli in loco avvengano direttamente tra l'OLAF e il Procuratore di Stato danese per i crimini economici e internazionali gravi)
  • Comunicazione e collaborazione tra tutte le AdG nazionali per combattere le frodi in modo più efficace.

Esiti e risultati

La rete aiuta a mitigare diversi tipi di rischi di frode, ad esempio riduce il rischio di doppio finanziamento da parte dell'Agenzia danese per l'agricoltura e dell'Autorità danese per gli affari , che fanno entrambe parte della rete.

Facilita inoltre la cooperazione tra le agenzie per creare pratiche comuni per l'individuazione e la mitigazione delle frodi.

La rete AFCOS può anche rispondere in modo efficiente alle frodi individuate, in coordinamento con gli organi di indagine e di perseguimento penale.

I principali fattori principali del successo

  • Formalizzazione della cooperazione esistente tra le autorità
  • Procedure scritte chiare, come ad esempio il manuale.

Sfide incontrate e lezioni apprese

La comunicazione e la collaborazione tra le varie autorità, o la loro mancanza, è una sfida nella lotta alla frode e alla corruzione. La struttura organizzativa rivista consente il necessario scambio di informazioni e idee.

La sua attuazione è stata ben accolta dalle diverse autorità.

Potenziale di trasferibilità

Un paese interessato a replicare la rete dovrebbe:

  • Organizzare incontri con tutte le autorità
  • Creare fiducia tra i soggetti che rappresentano le autorità e l'AFCOS
  • Formalizzare la rete in un manuale

Il fatto che la Danimarca abbia un numero inferiore di AdG rispetto ad altri Stati membri dell'UE, e che esse abbiano sede principalmente nella stessa città, ha sicuramente aiutato a creare e mantenere questa rete con successo. Tuttavia, ciò non significa che un paese con una struttura diversa non possa replicare la pratica; ad esempio, c'è la possibilità di organizzare riunioni virtuali regolari invece di riunioni fisiche.

Se l'aspetto organizzativo rappresenta uno sforzo significativo, le varie autorità potrebbero ruotare nell'organizzazione degli incontri.

Denmark_AFCOS_Network
English
(121.29 KB - PDF)
Scarica